Matrice SWOT: cos’è, come si fa e quali sono i vantaggi

La matrice SWOT, conosciuta come analisi SWOT, è uno strumento fondamentale per chi vuole realizzare una strategia di marketing efficace.

Attraverso questa analisi è possibile identificare i punti di forza e debolezza di un progetto e studiare la concorrenza.

Dalle informazioni ricavate si potrà poi lavorare per adottare la migliore strategia per ottimizzare gli investimenti e massimizzare i risultati.

Cos’è l’analisi SWOT?

SWOT sta ad indicare: Strenghts, Weaknesses, Opportunities e Threats, rispettivamente: punti di forza, punti di debolezza, opportunità e minacce.

Sono fattori che vanno esaminati con cura affinché il progetto possa crescere, ed è qui che l’analisi diventa fondamentale.

Questa tecnica aiuta l’identificazione di opportunità di miglioramento, aiutano il team e il business a rimanere al passo con i trend di mercato e con i competitor.  

Si parte dall’analisi SWOT per valutare fattori interni ed esterni del business, si studia il mercato di riferimento e la concorrenza, e si crea una strategia competitiva rivolta alla crescita. Ti suggeriamo di approfondire l’argomento leggendo l’articolo su come fare un piano marketing efficace

Come funziona l’analisi SWOT

L’analisi SWOT andrebbe effettuata con regolarità, almeno due volte all’anno, per valutare in anticipo i cambiamenti del mercato e adattare la propria strategia.

Per la sua realizzazione, bisogna elaborare una matrice SWOT 2×2, con quattro quadrati in cui inserire i fattori interni ed esterni che condizionano il progetto, le opportunità e le minacce. Vediamoli nel dettaglio.

Punti di forza (Strenghts)

I punti di forza sono le iniziative interne che impattano positivamente sul business. Ad esempio: il brand awareness, la solidità finanziaria, l’accesso a risorse chiave e a canali di distribuzione e comunicazione esclusivi, possesso di competenze e tecnologie avanzate, volume di utenti e clienti fidelizzati.

Questa valutazione è utile per capire cosa funziona bene e cosa fare per migliorare ulteriormente l’efficienza del team.

Alcune domande da porsi:

  • Qual è la cosa che facciamo bene?
  • Cosa ci differenzia dagli altri?
  • Quali risorse uniche abbiamo a disposizione?
  • Quali sono i punti di forza apprezzati dal nostro pubblico?

Punti di debolezza (Weaknesses)

I punti di debolezza della matrice SWOT riguardano tutte le iniziative interne che non rendono.

È importante esaminarle con attenzione per avere un punto da cui partire per migliorare la propria strategia di marketing e il progetto su cui si sta investendo.

I punti di debolezza vanno individuati subito dopo quelli di forza, in modo da avere una panoramica chiara, utile a tracciare un confine tra ciò che definisce il successo o il  fallimento.

Alcune domande da porsi:

  • Cosa non sta funzionando e perché?
  • Cosa migliorare?
  • Per quali aspetti si hanno meno risorse?
  • Quali punti possono essere percepiti come debolezza dagli altri?

Opportunità (Opportunities)

Dopo aver analizzato punti di forza e di debolezza, si possono valutare le opportunità, ovvero, punti deboli da migliorare o fattori esterni che, se sfruttati adeguatamente, offrono possibilità di crescita, profitti extra o vantaggi competitivi rispetto alla concorrenza.

Alcune domande da porsi:

  • Quali sono le prospettive di crescita?
  • Quali le opportunità facilmente raggiungibili?
  • Quali sono i trend su cui puntare?
  • Come trasformare i punti di forza del business in opportunità concrete?

Minacce (Threats)

Le minacce sono rappresentate da tutti gli aspetti esterni che possono impattare negativamente sul business e creare problemi.

Ad esempio, l’improvvisa mancanza di forniture, i cambiamenti di mercato, situazioni globali impreviste.

In generale, si tratta di tutti quei fattori su cui non è possibile avere controllo, ma considerarle aiuterà a prevenire o attutire gli effetti sul business.

Alcune domande da porsi:

  • Quali sono i nuovi trend di mercato futuri?
  • Quali cambiamento di settore devono destare preoccupazione?
  • Quali minacce potrebbero danneggiare il business?
  • Cosa fanno i competitor?

Analisi SWOT marketing: come creare la matrice

Bisogna iniziare dall’identificare i quattro punti precedentemente analizzati, per farlo dovrai riunire il team e iniziare un braindstorming.

Si passa alla creazione di una tabella con le 4 sezioni, una per punto, in cui inserire la lista di tutte le potenziali azioni per crescere, sviluppare, evitare, rivalutare, investire, etc.

Per rendere ancora più efficace l’analisi SWOT è utile esaminare le connessioni tra le aree della matrice. I punti di forza a quale opportunità portano? Eliminando alcune debolezze quali minacce vengono evitate?

Infine, per ottimizzare i risultati, dovrai stabilire delle proprietà per concentrare sforzi, risorse e budget sulle azioni più importanti per il tuo business.

Articoli correlati

Web Advertising
Digital Marketing
Marketing Formula

Web Advertising: cos’è? Chi è il web advertiser?

Da diversi anni il modo di comunicare, informarsi e interagire è cambiato, oggi le aziende devono intercettare il proprio target utilizzando una comunicazione prevalentemente online. L’utilizzo diffuso dei dispositivi mobili e l’evoluzione delle reti internet, ha portato oltre il 90% dei consumatori a spostare l’attenzione online, in particolar modo, quando si tratta di acquistare un

Leggi Tutto »
campagne dem
Digital Marketing
Marketing Formula

Cosa sono e come usare le campagne DEM?

Le campagne DEM sono uno dei tanti strumenti di marketing a disposizione delle aziende e dei professionisti per far crescere il business. L’utilizzo delle DEM può avere diverse finalità, tra cui quella di migliorare il dialogo con i propri clienti e di proporre offerte mirate e di reale interesse per il proprio pubblico. In particolare,

Leggi Tutto »
spotify advertising
Digital Marketing
Marketing Formula

Come utilizzare la piattaforma di annunci Spotify Advertising

Spotify conta più di 400 milioni di utenti attivi in tutto il mondo e quasi 170 milioni utilizzano un account premium. Un utente trascorre mediamente circa 3 ore al giorno su Spotify, con questi numeri è facile intuire l’importanza di Spotify Advertising. Parliamo della piattaforma pubblicitaria di Spotify che permette la creazione e la gestione

Leggi Tutto »
Torna su

Questo sito web utilizzi cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare traffico. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi