Tecniche di marketing: inbound marketing e outbound marketing a confronto

Si parla spesso di queste due principali strategie di marketing come se si dovesse necessariamente fare una scelta, ma in realtà, inbound marketing e outbound marketing possono essere integrati per massimizzare i risultati della strategia di vendita.

È chiaro che alcuni modelli di business possono adattarsi meglio a una delle due tecniche di marketing, motivo per il quale un’azienda può puntare maggiormente su una senza però tralasciare l’altra.

Cosa significa inbound marketing

L’inbound marketing è un approccio al marketing che attira i clienti verso il sito di un’azienda e produce lead di alta qualità a un costo molto più basso di altre forme di marketing digitale.

Per fare inbound marketing in modo efficace, le aziende devono identificare il mercato e il target, creare contenuti di valore e d’interesse, e individuare i migliori modi per distribuire quei contenuti attraverso i social media e i motori di ricerca.

Quindi, con l’inbound marketing si attraggono clienti e prospect attraverso contenuti informativi non invadenti, che aiutano le persone a trovare le soluzioni ai loro problemi tramite i prodotti dell’azienda.

Alcuni esempi di canali inbound sono: il blog aziendale, la promozione sui social media, le campagne PPC, la SEO e la formazione.

Cosa significa outbound marketing

L’outbound marketing è una tecnica di marketing tradizionale che focalizza l’attenzione sul brand e sui prodotti/servizi offerti, tramite una strategia promozionale composta da una serie di attività pubblicitarie finalizzate alla vendita.

Si tratta di azioni promozionali attivate fuori dai canali del brand, per veicolare un messaggio all’esterno e arrivare direttamente al consumatore finale.   

Rientrano in queste azioni tutte le attività che non chiedono il permesso e che interrompono le azioni che il pubblico sta facendo per attirare la sua attenzione.

Ad esempio: pubblicità televisive, inserzioni su testate giornalistiche e riviste, banner pubblicitari, inserzioni ADS, chiamate dirette, volantini, pop-up all’interno dei siti web.

Differenza tra inbound e outbound marketing

Partendo dalle definizioni di marketing inbound e outbound, possiamo evidenziare le differenze di queste due tecniche di vendita.

L’inbound marketing si focalizza sulla creazione di contenuti di valore e non invasivi, per attirare l’attenzione degli utenti verso il brand.

L’oubound marketing raggiunge i consumatori con una promozione diretta invasiva per suscitare interesse verso un prodotto/servizio.

Inbound marketing:

  • Contenuti di natura informativa
  • Messaggi veicolati un target definito
  • Interazione tra azienda e clienti
  • Costo relativamente contenuto
  • Attività facilmente misurabile

Outbound marketing:

  • Messaggi promozionali diretti alla vendita
  • Pubblico generico
  • Contenuti senza interazione
  • Promozione aggressiva
  • Costo elevato

Inbound o Outbound marketing: quale funziona meglio?

Secondo alcune statistiche, il 70% dei professionisti e delle aziende che hanno utilizzano la tecnica dell’inbound marketing ha ottenuto ottimi benefici in termini di incremento di lead e tasso di conversione.

Il 53% ha affermato che con l’inbound marketing il ROI è molto più elevato rispetto all’outbound, di cui è anche più difficile monitorare e misurare le performance.

Inoltre, l’inbound marketing permette di generare lead di qualità più facilmente convertibili in clienti e in vendite, a differenza delle metodologie tradizionali di vendita.

Outbound e Inbound marketing: quale scegliere?

Come abbiamo accennato all’inizio di questo articolo, la tecnica di marketing più adatta dipende dal modello di business dell’azienda, ma anche dalle risorse disponibili, dal tipo di prodotto o servizio che si intende promuovere, dal target di pubblico e dai canali più utilizzati dai potenziali clienti.

Entrambe le strategie possono rappresentare un vantaggio, non è quindi scontato che si debba forzatamente preferire una strategia rispetto all’altra.

Piuttosto si può lavorare per trovare un equilibrio che funzioni e che porti risultati che avvicinano gli obiettivi stabiliti al momento della pianificazione della strategia di marketing.

Articoli correlati

Web Advertising
Digital Marketing
Marketing Formula

Web Advertising: cos’è? Chi è il web advertiser?

Da diversi anni il modo di comunicare, informarsi e interagire è cambiato, oggi le aziende devono intercettare il proprio target utilizzando una comunicazione prevalentemente online. L’utilizzo diffuso dei dispositivi mobili e l’evoluzione delle reti internet, ha portato oltre il 90% dei consumatori a spostare l’attenzione online, in particolar modo, quando si tratta di acquistare un

Leggi Tutto »
campagne dem
Digital Marketing
Marketing Formula

Cosa sono e come usare le campagne DEM?

Le campagne DEM sono uno dei tanti strumenti di marketing a disposizione delle aziende e dei professionisti per far crescere il business. L’utilizzo delle DEM può avere diverse finalità, tra cui quella di migliorare il dialogo con i propri clienti e di proporre offerte mirate e di reale interesse per il proprio pubblico. In particolare,

Leggi Tutto »
spotify advertising
Digital Marketing
Marketing Formula

Come utilizzare la piattaforma di annunci Spotify Advertising

Spotify conta più di 400 milioni di utenti attivi in tutto il mondo e quasi 170 milioni utilizzano un account premium. Un utente trascorre mediamente circa 3 ore al giorno su Spotify, con questi numeri è facile intuire l’importanza di Spotify Advertising. Parliamo della piattaforma pubblicitaria di Spotify che permette la creazione e la gestione

Leggi Tutto »
Torna su

Questo sito web utilizzi cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare traffico. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi