Funnel marketing: cos’è?

Considerato che di funnel marketing si parla con sempre maggiore insistenza, e che tutti coloro che si occupano di marketing prima o poi si imbattono nel c.d. “imbuto” del funnelling marketing, non possiamo che esaudire una buona parte delle perplessità più comuni su questo tema, e introdurre i marketing funnel in modo chiaro e schematico.

Naturalmente, se alla fine della lettura di questo articolo avrai ancora dei dubbi su cosa sia il funnel marketing italiano, e su cos’è il funnel marketing, potrai sempre contattarci ai recapiti che trovi in ogni pagina del nostro sito!

Funnel marketing: cosa significa 

Se ti stai domandando cos’è il funnel marketing, sappi che con questo termine (o con il termine marketing funnel, o funnelling marketing), si individua un vero e proprio percorso a imbuto che ogni utente compie per potersi trasformare in un cliente dinanzi agli occhi dell’azienda. 

I passaggi dell’imbuto possono essere più o meno rapidi, indotti e automatici, ma una cosa è ben verificabile: il digital marketer è in grado di intervenire su ciascuno di essi per poterli rendere più efficienti e maggiormente in grado di integrarsi con quelli successivi, fino ad arrivare alla fine di questa strada.

Come funziona il funnel marketing

La costruzione di un funnel marketing è il risultato di un lavoro molto ampio e profondo, che il digital marketer effettua da solo o con i proprio team allo scopo di definire un percorso sostenibile che l’utente dovrà compiere per poter favorire la conversione.

Ebbene, per poter comprendere come funziona il funnel marketing, l’esempio dell’imbuto è certamente quello più appropriato e un contatto con la nostra agenzia ti permetterà di comprendere in che modo potrai condurre il tuo utente dallo stadio iniziale a quello finale di cliente.

In questa pagina vogliamo tuttavia concentrarci principalmente sulle domande che devi porti per poter avviare con la giusta efficacia la costruzione di una strategia di funnel marketing. Dunque, sia che abbia deciso di optare per il fai-da-te, sia che invece abbia deciso di puntare per una consulenza esterna, definire questi concetti ti sarà molto utile per poter partire con il necessario pragmatismo.

Chi sono i tuoi clienti

La prima cosa che devi fare è definire chi sono i tuoi clienti, estrapolando quelle caratteristiche che ti permetteranno di arrivare a definire il profilo tipo (la c.d. buyer persona).

Di questo cliente tipo dovrai ad esempio sapere la sua età, il sesso, dove vive, che lavoro fa, che bisogni ha e come ritiene risolverli, se è già consapevole di ciò. Dovrai anche evidentemente studiare quali siano le sue abitudini, e dove e come cerca le informazioni prima di acquistare.

Intuibilmente, reperire tutte queste informazioni potrebbe non essere molto facile, e proprio per questo motivo riteniamo molto importante che tu sia in grado di scegliere una buona agenzia di marketing digitale che possa effettuare per te queste analisi, in modo puntuale e indipendente.

Evita, peraltro, di soprassedere con superficialità a questa fase. In base a queste informazioni, infatti, sarà possibile studiare la migliore strategia con la quale la tua azienda presenterà la propria proposta. Ti invitiamo altresì a tenere conto che ogni azienda non deve necessariamente avere un’unica persona in mente, ma potrà averne anche più di una (idealmente, però, non oltre le 5-6).

Come puoi soddisfare i loro bisogni

Il secondo passaggio che ti consigliamo di fare è l’analisi delle modalità con cui puoi soddisfare i bisogni delle buyer personas

Il tuo prodotto, se vuole avere successo, non può che essere ritenuto utile dalla tua potenziale clientela, che deve percepire in modo distinto il fatto che, con esso e grazie ad esso, potrà risolvere un proprio problema. 

Una volta individuato il problema che desideri risolvere, devi altresì valutare in che modo poterlo risolverlo al meglio, con i minori costi e tempi per il cliente. Sulla base di ciò, potrai anche calcolare correttamente quali sono le risorse e le competenze che ti servono.

Come puoi abbattere gli ostacoli

Infine, ti consigliamo di soffermarti sull’individuazione di quali siano gli ostacoli e i problemi che potrebbero fermare l’utente prima di diventare cliente. Il tuo obiettivo, in questo ambito, dovrà evidentemente essere quello di far sparire tutti gli ostacoli che il potenziale cliente potrebbe affrontare prima di diventare tale, investendo con tutti i mezzi che hai a disposizione, o che puoi reperire, per creare un percorso sostenibile e snello verso la fine dell’imbuto. 

Una volta fatto ciò, potrai costruire un processo di inbound marketing realmente efficace!

Articoli correlati

aumentare follower su Instagram
Social Media Marketing
Silvia

Come aumentare follower su instagram: Guida Passo dopo Passo

La presenza di un brand su Instagram è divenuta fondamentale, negli ultimi anni, il social “delle foto” si è trasformato in una vera e propria risorsa, per questo motivo aumentare follower su Instagram è necessario per far crescere il fatturato dell’azienda e la sua esposizione al pubblico. Creare contenuti importanti e visivamente piacevoli stimola il

Leggi Tutto »
inbound social media marketing
Digital Marketing
Silvia

Inbound social media marketing: una strategia che funziona

Tra le varie strategie da mettere in atto per crescere sul web, l’inbound social media marketing è una delle migliori. Di per sé, l’inbound marketing online è già molto efficace. In quanto seguendo questa strategia si ha la possibilità di attrarre e convertire possibili clienti con contenuti accattivanti e di valore. Per questo motivo, l’uso

Leggi Tutto »
Torna su

Questo sito web utilizzi cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare traffico. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi