Funnel di vendita: esempi e migliori modelli

Funnel di vendita esempi: ossia come trarre ispirazione dai migliori esempi funnel vendita per poter replicare nella propria strategia alcuni punti di successo nelle altrui campagne. 

Certo, questo non deve essere inteso come un invito a copiare. Tuttavia, individuare alcune ragioni di successo nei propri concorrenti ti permetterà di comprendere quali siano le migliori pratiche da adottare all’interno della tua strategia di funnel marketing. Cerchiamo di saperne di più!

Funnel di vendita esempi: di cosa parliamo?

Quando parliamo di esempio funnel vendita ci riferiamo alle concrete applicazioni delle strategie di funnel marketing, ovvero a esempi di funnel per vendere prodotti.

Con un piccolo passo indietro definiamo il funnel marketing un sistema che aiuta ad attirare nuovi potenziali clienti, trasformandoli in lead o prospect e, infine, a convertirli in clienti (si spera, fedeli!).

Il riferimento al funnel, o imbuto, è legato al fatto che quando si pensa alle dimensioni del proprio pubblico in ogni fase del processo di attrazione verso la vendita, questo sembra proprio un imbuto.

Prova ad usare un po’ di immaginazione. All’inizio, il tuo pubblico di riferimento è molto grande. Usando annunci su Facebook e altre tattiche promozionali, puoi cercare di raggiungere il maggior numero possibile di potenziali studenti, andando così a costruire la parte superiore del tuo imbuto, la sua parte più ampia.

Una volta che sei riuscito a mostrare i tuoi annunci a molte persone, scoprirai che solo alcune di loro hanno deciso di cliccare sull’annuncio e visitare la tua landing page. La dimensione del tuo pubblico si è dunque già ridotta in modo considerevole, esattamente come farebbe un vero e proprio imbuto.

Quindi, sulla tua landing page, dove magari stai fornendo una risorsa gratuita (un ebook), alcuni visitatori hanno deciso di approfittare della tua offerta fornendoti il loro indirizzo e-mail. Di nuovo, alcune persone hanno abbandonato il percorso, e il tuo imbuto è diventato un po’ più stretto.

Successivamente, hai inviato una serie di e-mail a tutti coloro che hanno scaricato il tuo ebook, invitandoli a partecipare alla versione a pagamento del tuo corso. Solamente una piccola parte del pubblico originario ha accettato, chiudendo il tuo funnel. 

Funnel di vendita esempi: il metodo AIDA

Introdotto quanto sopra, è lecito evidenziare come uno dei funnel di vendita esempi più noti sia quello che sfrutta il metodo AIDA, acronimo di Attention, Interest, Desire, Action. Ma come funziona?

In questo caso nella parte più alta del funnel troviamo Attention. In tale area del percorso di vendita cercheremo di informare i potenziali clienti dell’esistenza dei nostri prodotti e dei nostri servizi, usando una strategia che, magari, combini PR, advertising sui social media, annunci a pagamento, e così via.

Si arriva così al secondo step, quello in cui – come sopra abbiamo visto – l’imbuto inizia a restringersi. Nella sezione Interest il nostro obiettivo sarà quello di far comprendere ai potenziali clienti che la nostra offerta è in grado di rispondere efficacemente a un loro bisogno. Dagli ebook ai webinar, dai podcast all’email marketing, gli strumenti che potresti adottare per traghettare il maggior numero di utenti alla terza fase sono evidentemente numerosi.

Ci troviamo così al nuovo step, Desire. Lo scopo è quello di rendere la tua nostra offerta maggiormente desiderabile rispetto a quella dei nostri concorrenti. Anche in questo caso gli strumenti di marketing che potresti adottare sono piuttosto numerosi e non potranno che essere attentamente ponderati sulla base dello specifico processo che stai costruendo.

Infine, arriviamo alla quarta fase, Action. In questo ultimo stadio dei nostri funnel di vendita esempi dovremo cercare di convincere i potenziali clienti a diventare tali, suggerendo loro che è il momento giusto per comprare. 

Articoli correlati

piramide di keller
Digital Marketing
Marketing Formula

Piramide di Keller, cos’è e come valuta la brand equity

Da decenni la piramide di Keller, o piramide della brand equity, è uno dei migliori standard per comprendere la customer-based brand equity e, dunque, aiutare operatori e imprese a capire come possono raggiungere meglio il proprio pubblico, generare una base di clienti fedeli e aumentare i profitti. Ma cos’è la piramide di Keller? E cos’è la brand equity?

Leggi Tutto »
piramide di aaker
Digital Marketing
Marketing Formula

Piramide di Aaker: cos’è e come misura la fedeltà dei clienti

La fedeltà a un marchio può essere sinteticamente riassunta nel comportamento di quei clienti che preferiscono ricorrere a uno stesso brand piuttosto che cedere alle lusinghe della concorrenza, facendo così degli acquisti ripetuti nel tempo. Ma perché un cliente dovrebbe diventare fedele a un marchio? E cosa c’entra in tutto questo la piramide del brand awareness di David Aaker?

Leggi Tutto »
brand awareness
Digital Marketing
Marketing Formula

Brand awareness: significato

Ne hai sempre sentito parlare ma non hai mai compreso esattamente di cosa si tratti? Ebbene, il concetto di brand awareness è oggi talmente utilizzato e diffuso che non avrai certamente grande difficoltà nell’individuare qualche autorevole definizione che possa permetterti di comprendere che cos’è la brand awareness e quali siano gli elementi che contraddistinguono e influenzano tale

Leggi Tutto »
Torna su

Questo sito web utilizzi cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare traffico. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi